ABBONATI ALLA RIVISTA

ABBONATI ALLA RIVISTA →

Latte e latticini utili al recupero sportivo

Per gli sportivi, le tre fasi di recupero, ricostruzione e reidratazione passano attraverso l’assunzione dei micronutrienti di cui latte e derivati sono ricchi. Lo spiega la nutrizionista Elisabetta Bernardi

 

La filiera lattiero-casearia dell’Alleanza delle Cooperative ha promosso il progetto Think Milk, Taste Europe, Be Smart, prevedendo un corso di formazione a cura della nutrizionista Elisabetta Bernardi, per fare luce su consumi, benefici e opportunità di latte e latticini nella dieta per sportivi.
Studi confermano come il latte di mucca sia un’ottima bevanda per raggiungere obiettivi nutrizionali chiave, ancor più si rivela utile al recupero sportivo grazie ai micronutrienti di cui lui e i suoi derivati sono ricchi.
Nella fase di recupero, in particolare, il latte fornisce energia sotto forma di carboidrati, cioè lattosio, e ricostituisce le riserve di glicogeno muscolare; è una fonte di proteine complete con un’alta concentrazione di aminoacidi a catena ramificata, come la leucina, per supportare la sintesi proteica muscolare. Inoltre, il rapporto 3:1 tra caseina e proteine del siero di latte nel latte facilita una digestione e un assorbimento più lenti portando a livelli costanti e per tempi maggiori degli aminoacidi circolanti gli elementi costitutivi della riparazione muscolare.
Il latte contiene un quantitativo di acqua pari all’88-91%, insieme ad elettroliti come calcio, potassio e sodio, da qui il suo supporto nella fase di reidratazione, perché aiuta a sostituire i liquidi e gli elettroliti persi con la sudorazione durante l’esercizio. Anche la sua densità energetica e il contenuto proteico contribuiscono a migliorare lo stato di idratazione: ritardano lo svuotamento gastrico e rallentano l’assorbimento di acqua, aiutando a prevenire la diuresi.
E per chi si allena per una composizione corporea ottimale, gli studi dimostrano che bere regolarmente latte dopo l’allenamento di resistenza aumenta la massa muscolare magra e riduce quella grassa.

 

Elisabetta Bernardi, nutrizionista e divulgatrice scientifica.

 

 

 

Articoli simili