Tutte le notizie sui trend alimentari più innovativi

avdreform-u-care.jpg
Lunedì, 04 Ottobre 2021 11:27

7 consigli per ridurre lo spreco alimentare

 

 

Le scelte di ognuno di noi, in fatto di spesa, cucina e pianificazione dei pasti, hanno un impatto sulla nostra salute e sull’ambiente.
Per ridurre lo spreco alimentare, è saggio non acquistare più del necessario: preparare un piano pasti settimanale e una lista della spesa, annotando le quantità richieste e considerando eventuali pasti fuori casa, aiuta a comprare solo quello di cui si ha bisogno.
Quel “preferibilmente” in etichetta sulla confezione che indica la shel-life del prodotto fa la differenza. La data di scadenza indicata sul cibo confezionato indica il periodo entro il quale il prodotto deve essere consumato. I cibi deperibili, come carne refrigerata, latticini e piatti pronti, dovrebbero essere acquistati quando necessario e nelle  quantità adeguate, senza farne scorta. Le diciture “da consumare preferibilmente entro” sono più flessibili rispetto a “da consumare entro”.  Alimenti come fagioli secchi, lenticchie e pasta possono essere consumati in modo sicuro, anche se la loro qualità potrebbe diminuire, ad esempio, variazioni di sapore, colore e consistenza.
Anche ruotare la posizione delle provviste alimentari in frigorifero e dispensa, così da avere a portata di mano quelli che sono più prossimi alla scadenza, è uno dei consigli per evitare sprechi. E funzionano sempre le ricette a base di verdure avanzate per primi, zuppe, omelette, oppure saltate in padella.
Sono in totale sette i consigli antispreco elencati da Eufic, tra i quali figurano anche l’evitare di servire porzioni troppo abbondanti, usare gli avanzi per il pranzo del giorno successivo e congelare per pasti futuri, oppure condividere il cibo in più con gli altri. In fatto di riutilizzo, i gambi dei broccoli possono essere tagliati e cucinati proprio come i fiori e altri scarti possono essere trasformati in brodo fatto in casa; senza dimenticare che il compost è un'alternativa organica ed economica ai fertilizzanti in commercio, limitandosi magari ai soli composti di origine vegetale.
La questione muffa è, infine, più delicata. Esistono delle regole che aiutano a capire se un alimento è ancora “recuperabile”. Quelli solidi (come formaggi duri, salumi e prosciutto, frutta e alcune verdure) dovrebbero essere sicuri da consumare una volta rimosse la muffa e l'area intorno ad essa. Gli alimenti morbidi dovrebbero essere buttati via appena attaccati dalla muffa; in cibi cotti, in formaggi morbidi, yogurt ed altri prodotti lattiero-caseari, pane, marmellate e frutta e verdura di consistenza morbida, la muffa può diffondersi all’interno e potremmo non individuarla.

 

www.eufic.org

 

Ultima modifica il Lunedì, 04 Ottobre 2021 11:33

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

cop-af-2021_9-insta.jpg

Dove trovare la nostra rivista

30 novembre - 2 dicembre 2021 - Francoforte, Germania

30 novembre - 2 dicembre 2021 - Francoforte, Germania

22-26 gennaio 2022 Rimini

22-26 gennaio 2022 Rimini

Acquista i nostri libri

Acquista i nostri libri

SCARICA LA NOSTRA APP

pi_app.jpg
ce_app.jpg

Pasticceria Internazionale

Pasticceria Internazionale

FoodExecutive

FoodExecutive
Copyright © - 1998-2021 Chiriotti Editori s.r.l. All rights reserved
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy - Tel. +39 0121 393127 - Fax +39 0121 794480 - P. IVA 01070350010

Chiriotti DEM Popup